top of page
With Hidden Noise.jpg

FAQ

Risposte esaurienti

Cosa aspettarsi dal terapeuta?

La personalità del terapeuta è un elemento chiave nel percorso terapeutico. Io stessa ho dovuto affrontare un percorso di psicoterapia per motivi formativi prima di intraprendere sedute con i pazienti, aderendo ad un'ottica di vivere "nella" seduta di terapia tanto quanto il paziente e sul suo stesso piano.

La psicoterapia ad orientamento junghiano è efficace?

... una domanda spesso motivata da aspettative di gratificazione immediata e da un pervasivo scetticismo rispetto alle pressanti esigenze collettive di aderire ad un "evidence-based practice". 

Ho ritrovato nella psicoterapia ad orientamento junghiano un autentico connubbio tra mondo scientifico e umanistico. Del resto, C.G. Jung stesso era uno psichiatra. 

Per quanto concerne l'aspetto scientifico, dal 1990 svariati progetti di ricerca e studi empirici riguardanti l'efficacia della psicoterapia junghiana sono stati condotti in Germania, Svizzera e USA (San Francisco), includendo dati delle compagnie assicurative sanitarie, con comprovati miglioramenti anche a distanza di sei anni dalla conclusione del percorso terapeutico. Tali miglioramenti si sono riscontrati non solo a livello sintomatologico ma anche strutturale di personalità e nella condotta giornaliera ( Tratto da: https://iaap.org/wp-content/uploads/2017/05/behavsci-evidence-for-the-effectiveness.pdf). 

Per quanto riguarda l'aspetto umanistico, trovo efficace il parallelismo con l'opera di Duchamp- riportata nell'immagine "With Hidden Noise" (1916). Trattasi di un lavoro esperienziale in cui l'artista pone domande non solo riguardo a come definire l'arte, ma anche sul perchè dobbiamo definire qualsiasi cosa. 

Dopo avere disposto una matassa tra due piatti di ottone, Duchamp chiese ad un amico di aprire la matassa, collocarne al centro un oggetto e richiudere il tutto, mantenendo l'identità dell'oggetto segreta. Nel 1963, ripetè l'esperimento con un altro amico, volendo sempre mantenere la conoscenza dell'oggetto lontano da sè. Il requisito di "non conoscere" va palesemente contro i costumi e le abitudini occidentali. " Non saprò mai se si tratta di un diamante o di una moneta", ammette in un'intervista Duchamp [ Parkinson,G. (2008) The Duchamp Book. London: Tate Publishing]. Un'opera d'arte che porta con sè una funzione epistemiologica e che ci pone di fronte all'incertezza, al non sapere... un elemento che ritengo centrale al fine di potere- ognuno di noi- progredire col proprio e unico processo trasformativo.

Perchè scegliere questo orientamento?

Non saprei rispondere, in quanto la scelta di un approccio rispetto ad un altro credo debba essere prettamente individuale e soggettiva. 
Posso solo limitarmi a condividere l'impressione - acquisita per esperienza diretta- che ciò che possa guidare nella scelta sia possedere i tratti di un particolare tipo di viaggiatore : l'esploratore, "il viaggiatore d'anima".

Chi sono? Da oltre 10 anni, sono un Medico Chirurgo, con ampia esperienza clinica acquisita in ambito psichiatrico istituzionale, sia in Italia che all'estero. Sono Psicoterapeuta qualificata, Analista Junghiana, Socio Analista del Centro Italiano di Psicologia Analitica e dell'International Association of Analytical Psychology. Mi occupo di: difficoltà nelle relazioni, depressione e altre variazioni dell'umore, disturbo di ansia, disturbi alimentari, problemi con lo studio e il lavoro, e perdita di significato nella propria esistenza. Conduco colloqui in lingua italiana e inglese, in persona e tramite modalità online. 

Metto a vostra disposizione il mio servizio nella zona di Roma nord-est (Ponte Mammolo/ Montesacro/Don Bosco/Tuscolano).

bottom of page